logo4

NOTA! Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Translate

itzh-CNenfrdejakoptrues

Generici

Inserire il banner per il consenso all'uso dei COOKIE

Google, che era il principale interessato alla nuova direttiva Europea, aveva avuto 18 mesi di tempo per adeguare i propri siti. Ovviamente Google, di tempo ne ha impiegato molto meno e in più,ha messo a disposizione dei webmaster due strumenti per aiutarli ad adeguare i loro siti in maniera semplice e veloce. La prima soluzione, prevede una “finestra di dialogo” (Dialog Box) che appare al visitatore prima di lasciare spazio alle pagine del sito web. La seconda soluzione invece, sovrappone un banner in basso o in alto nelle pagine in cui viene inserito lo script. In entrambe le soluzioni quando il visitatore clicca sul pulsante “Accetta” o “Chiudi” (possiamo scegliere liberamente il testo del pulsante), verrà generato un cookie dalla durata di 12 mesi permettendo al visitatore per un anno di non dover chiudere nuovamente il banner o la finestra.

Per prima cosa, dovete creare sul vostro sito una pagina dedicata alla cookie policy. Potete prendere spunto da qui.

Quindi se scegliete la prima soluzione e cioè visualizzare una finestra col messaggio, bisogna inserire il seguente codice all’interno del tag <body> delle pagine del vostro sito:

<scriptsrc="/cookiechoices.js"></script><script>//<![CDATA[
document.addEventListener('DOMContentLoaded',function(event){        
    cookieChoices.showCookieConsentDialog('Il tuo messaggio per i visitatori.',         
        'Chiudi','Maggiori Informazioni',                      
                 'http://indirizzo_pagina_cookie_policy'>);
   });//]]></script>

Copiate infine sul server, nella cartella principale del vostro sito il file cookiechoices.js (vi riporto di seguito il link dove scaricarlo) e assicuratevi che il percorso coincida con quello inserito nella prima riga del codice indicato sopraModificare inoltre l’indirizzo ‘http://indirizzo_pagina_cookie_policy’ inserendo l’indirizzo della pagina dedicata alla cookie policy che avete creato in precedenza.

Scarica cookiechoices.zip (prima di copiarlo sul server va scompattato!)

Se scegliete la soluzione del banner, il codice da inserire nelle pagine del vostro sito, all’interno della sezione <body> è quello riportato di seguito.

<scriptsrc="/cookiechoices.js"></script><script>//<![CDATA[
document.addEventListener('DOMContentLoaded',function(event){
    cookieChoices.showCookieConsentBar('Il tuo messaggio per i visitarori.',
        'Chiudi','Maggiori Informazioni',
                 'http://indirizzo_pagina_cookie_policy'>);
  });//]]></script>

Anche in questo caso, bisogna caricare sul server il file cookiechoices.js e inserire l’indirizzo corretto della vostra pagina dedicata all’uso dei cookie.

Scarica cookiechoices.zip (prima di copiarlo sul server va scompattato!)

Per chi usa blogspot, o non può caricare il file sul server, può sostituire la riga:

<scriptsrc="/cookiechoices.js"></script>

con :

<scripttype="text/javascript">//<![CDATA[(function(window){

  if(!!window.cookieChoices){
    return window.cookieChoices;
  }

  var document = window.document;
  // IE8 does not support textContent, so we should fallback to innerText.
  var supportsTextContent ='textContent' in document.body;

  var cookieChoices =(function(){

    var cookieName ='displayCookieConsent';
    var cookieConsentId ='cookieChoiceInfo';
    var dismissLinkId ='cookieChoiceDismiss';

    function _createHeaderElement(cookieText, dismissText, linkText, linkHref){
      var butterBarStyles ='position:fixed;width:100%;background-color:#eee;'+
          'margin:0; left:0; top:0;padding:4px;z-index:1000;text-align:center;';

      var cookieConsentElement = document.createElement('div');
      cookieConsentElement.id = cookieConsentId;
      cookieConsentElement.style.cssText = butterBarStyles;
      cookieConsentElement.appendChild(_createConsentText(cookieText));

      if(!!linkText &&!!linkHref){
        cookieConsentElement.appendChild(_createInformationLink(linkText, linkHref));
      }
      cookieConsentElement.appendChild(_createDismissLink(dismissText));
      return cookieConsentElement;
    }

    function _createDialogElement(cookieText, dismissText, linkText, linkHref){
      var glassStyle ='position:fixed;width:100%;height:100%;z-index:999;'+
          'top:0;left:0;opacity:0.5;filter:alpha(opacity=50);'+
          'background-color:#ccc;';
      var dialogStyle ='z-index:1000;position:fixed;left:50%;top:50%';
      var contentStyle ='position:relative;left:-50%;margin-top:-25%;'+
          'background-color:#fff;padding:20px;box-shadow:4px 4px 25px #888;';

      var cookieConsentElement = document.createElement('div');
      cookieConsentElement.id = cookieConsentId;

      var glassPanel = document.createElement('div');
      glassPanel.style.cssText = glassStyle;

      var content = document.createElement('div');
      content.style.cssText = contentStyle;

      var dialog = document.createElement('div');
      dialog.style.cssText = dialogStyle;

      var dismissLink = _createDismissLink(dismissText);
      dismissLink.style.display ='block';
      dismissLink.style.textAlign ='right';
      dismissLink.style.marginTop ='8px';

      content.appendChild(_createConsentText(cookieText));
      if(!!linkText &&!!linkHref){
        content.appendChild(_createInformationLink(linkText, linkHref));
      }
      content.appendChild(dismissLink);
      dialog.appendChild(content);
      cookieConsentElement.appendChild(glassPanel);
      cookieConsentElement.appendChild(dialog);
      return cookieConsentElement;
    }

    function _setElementText(element, text){
      if(supportsTextContent){
        element.textContent = text;
      }else{
        element.innerText = text;
      }
    }

    function _createConsentText(cookieText){
      var consentText = document.createElement('span');
      _setElementText(consentText, cookieText);
      return consentText;
    }

    function _createDismissLink(dismissText){
      var dismissLink = document.createElement('a');
      _setElementText(dismissLink, dismissText);
      dismissLink.id = dismissLinkId;
      dismissLink.href ='#';
      dismissLink.style.marginLeft ='24px';
      return dismissLink;
    }

    function _createInformationLink(linkText, linkHref){
      var infoLink = document.createElement('a');
      _setElementText(infoLink, linkText);
      infoLink.href = linkHref;
      infoLink.target ='_blank';
      infoLink.style.marginLeft ='8px';
      return infoLink;
    }

    function _dismissLinkClick(){
      _saveUserPreference();
      _removeCookieConsent();
      returnfalse;
    }

    function _showCookieConsent(cookieText, dismissText, linkText, linkHref, isDialog){
      if(_shouldDisplayConsent()){
        _removeCookieConsent();
        var consentElement =(isDialog)?
            _createDialogElement(cookieText, dismissText, linkText, linkHref):
            _createHeaderElement(cookieText, dismissText, linkText, linkHref);
        var fragment = document.createDocumentFragment();
        fragment.appendChild(consentElement);
        document.body.appendChild(fragment.cloneNode(true));
        document.getElementById(dismissLinkId).onclick = _dismissLinkClick;
      }
    }

    function showCookieConsentBar(cookieText, dismissText, linkText, linkHref){
      _showCookieConsent(cookieText, dismissText, linkText, linkHref,false);
    }

    function showCookieConsentDialog(cookieText, dismissText, linkText, linkHref){
      _showCookieConsent(cookieText, dismissText, linkText, linkHref,true);
    }

    function _removeCookieConsent(){
      var cookieChoiceElement = document.getElementById(cookieConsentId);
      if(cookieChoiceElement !=null){
        cookieChoiceElement.parentNode.removeChild(cookieChoiceElement);
      }
    }

    function _saveUserPreference(){
      // Set the cookie expiry to one year after today.
      var expiryDate =newDate();
      expiryDate.setFullYear(expiryDate.getFullYear()+1);
      document.cookie = cookieName +'=y; expires='+ expiryDate.toGMTString();
    }

    function _shouldDisplayConsent(){
      // Display the header only if the cookie has not been set.
      return!document.cookie.match(newRegExp(cookieName +'=([^;]+)'));
    }

    var exports ={};
    exports.showCookieConsentBar = showCookieConsentBar;
    exports.showCookieConsentDialog = showCookieConsentDialog;
    return exports;
  })();

  window.cookieChoices = cookieChoices;
  return cookieChoices;})(this);//]]> </script>

 
Non vi resta che personalizzare il messaggio da visualizzare per i vostri visitatori che potrebbe essere del tipo:

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori.

Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

 

Autore:

MKVmerge,Handbrake | Come ridurre le dimensioni di un file MKV

 

MATROSKAAvete scaricato un video e vi siete ritrovati sul PC un file MKV di dimesioni “pachidermiche” (un film può superare i 30GB !?) ? Vediamo allora come ridurre le dimensioni di un file MKV e portarlo a dimensioni più "umane". Prima di iniziare è bene fare una piccola premessa, utile a chi ancora non conoscesse tale formato video. Il formato MKV (MATROSKA) non è un codec , ma piuttosto un contenitore molto simile al formato AVI. Questa “scatola” può contenere numerosi flussi video (DVIX, XVID, WMV, H264 ecc. ecc.), flussi audio (MP3, AC3, OGG, AAC, DTS, PCM) e persino sottotitoli (SRT, ASS, SSA ecc. ecc.) in un unico file. Fatte le dovute premesse, passiamo alla parte pratica.

METODO 1°

In questo caso manteniamo intatta la qualità video, di contrò avremo una riduzione delle dimensioni minore. Questo metodo consiste nell’alleggerire il file di tutto il superfluo (audio in altre lingue, sottotitoli, capitoli) e a tale scopo useremo un software chiamato MKVmerge.

MKVmerge

Una volta installato (vedi NdA a fine articolo) ed avviato il programma, carichiamo il file da ridurre cliccando il pulsante “Aggiungi” (riquadro verde). Nella finestra principale apparirà ora l’elenco di tutte le tracce contenute dal nostro file, togliamo il segno di spunta da tutti le caselle corrispondenti ai contenuti che vogliamo eliminare (riquadro arancione).
Premiamo il pulsante “Sfoglia” (riquadro blu) e selezioniamo la cartella dove salvare e impostiamo il nome del file finale. Avviamo il processo di ridimensionamento cliccando il pulsante “Avvia muxing” (riquadro rosso) e nel giro di 2 o 3 minuti al massimo avremo il nostro nuovo file.
Non siete ancora sufficientemente soddisfatti della riduzione? Passiamo allora al secondo metodo, dove però è prevista una perdita di qualità video.

 

METODO 2°

Questa volta useremo un software chiamato Handbrake, istalliamolo ed avviamolo.

Handbrake Img.1

 

Carichiamo il file da ridurre cliccando il pulsante “Surce” (riquadro verde), impostiamo la cartella in cui salvarlo cliccando il pulsante “Browser” (riquadro blu) e scegliamo il formato finale del file tra MP4 e MKV (riquadro arancione).
Spostiamoci ora nella scheda “Video”.

Handbrake Img.2

Qui possiamo impostare i parametri per ridurre il peso della componente video.
Per prima cosa scegliamo quale codec vogliamo usare (consiglio H.264), selezioniamo "Constant Framerate" ("Variable Framerate" a volte da problemi in alcuni lettori).
Per impostare la qualità possiamo agire in due modi:

    1. selezioniamo "Constant quality" impostiamone il valore. Il mio consiglio è lasciare RF=20 è un buono compromesso qualità/peso;
    2. selezioniamo "Avg Bitrate" impostiamo nella casella il valore di bitrate (consiglio un valore tra 1000 e 1500), non è necessario, ma ai fini della qualità video vi consiglio di spuntare le voci "2-Pass Encoding" e "Turbo first Pass".

Per ridurre ulteriormente il file possiamo agire anche sulla parte audio, per farlo rechiamoci sulla scheda "Audio" .

Handbrake Img.3

Modifichiamo i valori presenti nel riquadro rosso in base ai nostri gusti (consiglio di non scendere mai sotto ai valori che trovate nell'immagine).
terminata tutta la fase delle impostazioni valori (per tutti gli altri lasciate i valori di default) premiamo “Start” per avviare il processo.
Da sottolineare che mentre per il primo metodo saranno sufficienti un paio di minuti, per quest’ultimo occorreranno un paio di ore (ma varia a seconda delle dimensioni del file originale).

N.d.A il programma MKVmerge si trova all’interno del pacchetto MKVtoolnix, dovremo perciò installare quest’ultimo e cercare al suo interno il file mmg.exe per poterlo avviare.

download image button download image button
MKVtoolnix Handbrake

 


 

Come Resize MKV Files

Se hai dei filmati in formato MKV, specialmente se si tratta di file in formato HD MKV, sicuramente occuperanno parecchio spazio su disco del tuo computer. Ecco perchè spesso si cerca di ridimensionare i files MKV per renderli meno pesanti. Per fare questo lavoro serve un potente e prodessionale MKV resizer come Wondershare Filmora Video Editor (Filmora Video Editor per Mac). Con questo software potrai ridurre il peso dei tuoi files MKV mantenendo alta e accettabile la qualità del video.

Con questo programma avrai 2 modi per ridurre il peso di un file MKV. Il primo consiste nel ridorre parametri come risoluzione, frame rate, bit rate. Il secondo modo invece è quello di convertire il filmato MKV in un formato più compresso come ad esempio quello FLV.

Scarica innanzitutto questo MKV Resizer sul tuo computer Windows o Mac:.

Download Win Version Download Mac Version

1 Importa video MKV da ridurre

Per importare i tuoi video clicca in alto a sinistra su "Importa" oppure trascina i files direttamente nella schermata principale del programma:

MKV joiner

2 Seleziona formato di uscita

Trascina i files MKV in basso nella sezione timeline dove potrai effettuare le modifiche desiderate. Se non vuoi effettuare alcuna operazione di video editing clicca su "Crea" e poi dalla sezione "Formato" scegli un formato compresso come ad esempio quello FLV.

Nota: (Opzionale) Un altro modo per ridurre il peso del video è quello di tagliare eventuali parti indesiderate del filmato, e tale operazione è molto semplice da farsi con Wondershare Filmora (originally Wondershare Video Editor).

resize MKV video

3Ridimensiona MKV

Nella finestra di "Output" oltre a selezionare il formato di conversione potrai modificare i parametri del video come risoluzione, frame rate e bit rate (impostandoli su valori inferiori). Alla fine, per salvare il video clicca sul pulsante in basso a destra "Crea".

Resize MKV file

Wondershare Editor  Posted by  


 

Mettere il pulsante Mostra Desktop su Windows 8 come quello di Windows 7

Rispetto alle precedenti versioni, Windows 8 differisce principalmente per l’aggiunta della schermata Start che è anche touch se si dispone di un PC con schermo touchscreen, per l’assenza del tasto Start e per l’apparente assenza del tasto Mostra Desktop(ovvero c’è, è sempre nella stessa posizione a destra dell’orologio, ma è invisibile).

Se in questo articolo abbiamo visto come rimettere il menu Start nella barra delle applicazioni di Windows 8, a seguire andremo invece a vedere come rimettere il pulsante Mostra Desktop su Windows 8 tale e quale a quello di Windows 7, ovvero posizionato in basso a destra nella barra delle applicazioni accanto all’orologio del computer e con i bordi in rilievo che lo delimitano.

Ricordo che in alternativa al tasto mostra Desktop è possibile cliccare la barra delle applicazioni di Windows con il tasto destro del mouse e nel menu contestuale fare clic sulla voce Mostra Desktop (come nell’esempio sotto in figura):

Voce Mostra Desktop nel menu della barra delle applicazioni di Windows 8

Se si desidera riavere il tasto Mostra Desktop come quello di Windows 7 lo si può riavere servendosi della piccola applicazione gratuita Show Desktop, che appunto una volta avviata (non richiede installazione) lo visualizzerà nella barra delle applicazioni di Windows 8, a destra subito dopo l’orologio (come nell’esempio sotto in figura):

Tasto Mostra Desktop su Windows 8

Fra l’altro il pulsante è personalizzabile nell’aspetto e nella funzionalità. Per modificarne le impostazioni, cliccarlo con il tasto destro del mouse e nel menu contestuale fare clic sulla voce Settings; verrà così visualizzata la schermata Show Desktop Settings (sotto in figura):

Show Desktop impostazionidalla quale è ad esempio possibile regolare la larghezza del pulsante (Button Width), l’opacità/trasparenza (Button Opacity), l’azione che deve eseguire una volta cliccato ovvero minimizzare le finestre aperte per visualizzare il Desktop oppure passare subito al Desktop senza minimizzare (Toggle Desktop e Minimize Windows). Consiglio di attivare l’opzione “Run Application on Windows Startup” in maniera tale che Show Desktop venga avviato in automatico con Windows senza doverlo invece fare manualmente ogni volta. Confermare le modifiche apportate cliccando il pulsante Apply Changes e Close per chiudere la finestra dei settaggi. Nel caso in cui si è sbagliato qualche impostazione, in ogni momento si potranno ripristinare quelle predefinite cliccando il pulsante Restore Default Settings e Close.

Compatibile con Windows: XP Vista, 7 e 8 | Dimensione: 226 KB | Download Show Desktop

Autore::